Era stata la stessa società Rcs ad aprire una prima inchiesta interna. In ballo c’erano strane transazioni bancarie per un valore di dieci milioni di euro. Ora anche la Procura di Milano vuole vederci chiaro e ha aperto un’indagine per appropriazione indebita. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco e dal pm Adriano Scudieri, riguarda in particolare gli ammanchi e i movimenti ritenuti poco chiari tra Rcs Sport e alcune società ad essa collegate.

Intanto tre esponenti del Comitato di redazione del Corriere della sera, che sta ingaggiando una battaglia con il Cda che ha deciso tra gli altri tagli la vendita della sede storica di via Solferino 28 a Milano, sono stati ricevuti per un colloquio nell’ufficio del procuratore aggiunto Francesco Greco. Le indagini sono affidate alla Guardia di finanza e nel registro degli indagati sarebbero già finiti i primi nomi. 

La procura indagherà anche sulla vicenda relativa all’acquisto da parte del gruppo della società Recoletos, editrice tra l’altro del quotidiano sportivo Marca. Acquisto che ha portato il gruppo a un forte indebitamento. 

Intanto la Consob fa sapere che Rcs fornirà informazioni sulla cessione degli immobili con la trimestrale che uscirà mercoledì prossimo. La stessa authority, che sottolinea di aver già ascoltato sulla questione l’amministratore delegato Pietro Scott Jovane, aver replica così alle richieste di chiarimento del Cdr.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

India: caso Montis, la forza di una madre contro il silenzio

prev
Articolo Successivo

Buccinasco antimafia a parole. Non a voti

next