E’ record per il livello dei gas serra presenti nell’atmosfera. Lo ha affermato l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), agenzia dell’Onu, rendendo noto a Ginevra l’ultimo Bollettino sulle emissioni di gas a effetto serra.  L’agenzia ha segnalato un’accelerazione nella “progressione che alimenta i cambiamenti climatici e che forgerà il futuro del nostro pianeta per migliaia di anni”, ha affermato l’Omm. L’aumento di CO2 tra il 2011 e il 2012 è superiore al tasso medio di crescita degli ultimi dieci anni ed il forcing radiativo dovuto all’effetto serra è aumentato del 32% tra il 1990 e il 2012.

Dall’inizio dell’era industriale, nel 1750, la concentrazione media di CO2 nell’atmosfera globale, derivante principalmente alle emissioni legate ai combustibili fossili, è aumentata del 41%, quella del metano del 160% e quella del protossido di azoto del 20%. “Le osservazioni della vasta rete di Global Atmosphere Watch dell’Omm dimostrano ancora una volta che i gas di origine antropica che intrappolano il calore hanno turbato l’equilibrio naturale dell’atmosfera terrestre e contribuiscono notevolmente al cambiamento clima”, ha commentato il segretario generale dell’Omm, Michel Jarraud. L’Omm precisa che i processi che si verificano nell’atmosfera sono solo un aspetto dei cambiamenti in corso: circa la metà delle emissioni di CO2 rilasciate dalle attività umane rimane nell’atmosfera, il resto viene assorbito dalla biosfera e gli oceani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Eni, Scaroni: “In Libia abbiamo chiuso un gasdotto sotto attacco dei manifestanti”

prev
Articolo Successivo

Greenpeace: la Russia rilasci gli attivisti arrestati

next