Il Pd ha presentato la sua campagna di comunicazione per le primarie. La grafica e lo slogan sono essenziali: “L’8 dicembre io voto perché“. A mostrarli è stato Antonio Funiciello, responsabile (renziano) della comunicazione nella segreteria democratica. “Le primarie saranno una festa – ha dichiarato Funiciello – e sono ormai uno strumento politico che ha un impatto fondamentale sulla nostra democrazia interna”. Riguardo le polemiche di questi giorni su segretari provinciali e tesseramento, Funiciello riconosce qualche criticità: “Sui risultati dei congressi provinciali bisogna aspettare – spiega l’esponente della segreteria Pd. I numeri che escono dai comitati sono orientati dai comitati stessi. Suggerirei loro di non tirare fuori numeri a caso: non aiuta il confronto delle idee e si fa un danno al Pd. Sul tesseramento – prosegue – ci sono molte situazioni da verificare e da sanzionare anche duramente. La nostra segreteria se ne occuperà oggi”. Oltre al contributo di due euro per il voto alle primarie, il Pd ha attivato anche una campagna di crowdfunding per i finanziamenti privati. “Non ci sembra di chiedere tanto – conclude Funiciello -, noi vogliamo eliminare il finanziamento pubblico ai partiti, per farlo dobbiamo anche dire che la politica ha un costo, e il modo migliore per finanziarlo è farlo in trasparenza”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cancellieri al Senato: “Mai sollecitata la scarcerazione di Giulia Ligresti”

prev
Articolo Successivo

Cancellieri, quando la Russa rivendicava la nomina: “Viene dal nostro ambiente”

next