“In tre anni è il terzo presidio che ci bruciano”. Alberto Perino, leader storico del movimento NoTav, non ha dubbi sulle cause dell’incendio che nella notte ha distrutto il presidio di Vaie, in provincia di Torino: “E’ doloso”. Si tratta del terzo caso in circa tre anni di strutture gestite dal movimento che prendono fuoco notte tempo. Alla partecipata conferenza stampa interviene anche Ivan Della Valle, parlamentare M5S, che ‘vieta’ una possibile visita dei ministri al rudere del presidio: “Noi qua non li vogliamo, sarebbe come alcuni politici che hanno partecipato al funerale di Giovanni Falcone. Noi qui i mandanti non li vogliamo”. Nella zona ci sono due telecamere che erano in funzione durante la notte. I filmati sono ora al vaglio dei Carabinieri della compagnia di Susa che tenteranno di ricostruire quanto accaduto. Per i NoTav è chiaro che si tratta di un atto intimidatorio e in risposta hanno indetto una fiaccolata per domani sera  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ligresti, l’Espresso: “Al Tanka Village anche ex prefetto di Milano Lombardi”

prev
Articolo Successivo

Macao vs Cancellieri: “La Digos ci disse che fummo sgomberati per tutelare i Ligresti”

next