Dopo lo scandalo delle pressioni del ministro per far scarcerare la figlia del finanziere Salvatore Ligresti, arriva una nuova accusa contro il Guardasigilli. A muoverla il collettivo artistico milanese Macao che, il 5 maggio 2012, occupa la Torre Galfa, grattacielo di 30 piani a pochi passi dalla stazione centrale. L’occupazione dura solo 10 giorni dopodiché le forze dell’ordine procedono allo sgombero “con una velocità e una forza inusuali nel panorama cittadino”, sostengono gli artisti in un comunicato. Perché? Secondo Macao, perché la torre occupata è di “proprietà di Fondiaria SAI S.p.A., gruppo assicurativo italiano controllato dalla famiglia Ligresti”. E, fino a settembre 2012, il “direttore generale di Fondiaria è Piergiorgio Peluso”, figlio del ministro Cancellieri. Che l’allora titolare del Viminale abbia avuto un ruolo nella “tutela del patrimonio della famiglia Ligresti”? Secondo il collettivo sì e, a riprova di quanto sostiene, pubblica un video nel quale si sente un dirigente della Digos di Milano mentre lascia intendere che la fonte dello sgombero sia proprio l’ex ministro dell’Interno. “La politica è un gioco sporco – dice il poliziotto – E qui stiamo parlando dei Ligresti”. E poi l’agente continua: “Non è perché siamo in pieno centro, nemmeno perché è una torre di trenta piani, ma avete scelto il posto più sbagliato perché il grattacielo è un privato. Ma soprattutto di quel privato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valsusa, incendiato presidio NoTav. “E’ il terzo rogo in tre anni”

prev
Articolo Successivo

Sicilia, catanese chiede divisione in due. Cassazione respinge per vizio di forma

next