Nel 2012 le ragazze del team di Verily scrivevano: “Stiamo lavorando duramente per il nostro grande sogno. Creare una rivista che offra un’alternativa autentica e positiva alle donne. Ci auguriamo un giorno di essere esposti di fianco a Cosmopolitan, Glamour e Lucky“. Oggi questa aspirazione è diventata realtà. Verily è il primo magazine americano femminile completamente “photoshop free”. È giunto al suo terzo numero e si trova sugli scaffali delle librerie Barnes&Noble, vicino alle più famose riviste patinate e ritoccate.

La direttrice di Verily Kara Eschbach

Verily ha tutto quello che ci si aspetta da una rivista femminile: servizi di moda, articoli giornalistici, approfondimento culturale. Ma non pubblica mai foto modificate a computer. “Le caratteristiche uniche delle donne, siano le zampe di gallina, le lentiggini o un fisico non duro-come-una-roccia, sono elementi che contribuiscono alla bellezza femminile – spiega la giovane direttrice Kara Eschbach – e dovrebbero essere celebrati, non modificati o rimossi”. Verily si rivolge a donne tra i 18 e i 35 anni. Ed è fatto un team di sei ragazze sotto i trent’anni. Tutte professioniste, con esperienze nel mondo dell’editoria e della moda. Il risultato è una rivista che chiede a chiunque abbia voglia di mostrare la propria bellezza genuina di posare come modella per i servizi della sezione ‘Style’.

La copertina di Vogue "Belle vere"

Nel numero appena uscito (novembre-dicembre 2013) la sezione ‘Runway-to-realway‘ mostra look da passerella ricreati con capi di marchi comuni e low cost. “Nonostante le donne oggi siano più istruite, influenti, benestanti che mai, la narrativa che rappresenta il mondo femminile – a cosa dovremmo assomigliare, come e con chi dovremmo uscire, come arrivare al successo, cosa dovrebbe renderci felici – suona ancora come vuota – spiegano le autrici – Verily vuole aprire un nuovo dibattito – per coloro che vogliono un punto di vista fresco sulla vita, un messaggio onesto che racconti esperienze reali, che sia edificante, positivo e genuino”.

Naturalmente Verily non è l’unica rivista che propone un modello femminile alternativo. Nel 2012 in Inghilterra è nato SLink, magazine dedicato alle modelle curvy. Nel giugno 2011 Vogue Italia diede alle stampe una copertina memorabile: ritraeva tre sensuali modelle con il titolo: “Belle vere” . Ma la tentazione al ritocco è sempre in agguato. E talvolta il mouse può sfuggire di mano. L’ultima vittima: il volto della bellissima Kate Winslet, piallato, illuminato e irriconoscibile sulla copertina dell’ultimo numero di Vogue. Come ha scritto la giornalista Emma Brockes su The Guardian: “Il grottesco può essere bello, ma non in questo caso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Basket, a Bergamo le prime divise ‘per donne’. Le cestiste costrette ad adeguarsi

prev
Articolo Successivo

Università Bologna, nasce il primo corso obbligatorio sulla violenza contro le donne

next