Aveva una pistola semiautomatica lo studente della scuola media di Sparks, in Nevada negli Stati Uniti, che ha aperto il fuoco prima della campanella ieri, uccidendo l’insegnante di matematica Michael Landsberry e ferendo altri due studenti di 12 anni. L’assalitore, ancora non identificato, si è poi suicidato. Lo ha reso noto la polizia in una conferenza stampa. Le autorità non hanno fornito un motivo per la sparatoria, e non si sa come lo studente si sia procurato l’arma. I due studenti feriti sono stati definiti in condizioni stabili. Uno è stato colpito a una spalla, l’altro all’addome. L’insegnante, ucciso mentre cercava di proteggere gli studenti, aveva 45 anni. 

La sparatoria è avvenuta nell’orario di inizio delle lezioni, circa alle 7 del mattino ora locale. L’attentatore si è ucciso sparandosi un colpo di arma da fuoco, secondo quanto hanno riferito le autorità locali. La scuola è stata sgomberata. La sparatoria è avvenuta nel campus della scuola, ma fuori dall’edificio che ospita l’istituto. Il governatore del Nevada, Brian Sandoval, ha diffuso un comunicato, affermando di essere “profondamente rattristato dalla notizia della terribile sparatoria”. “La mia amministrazione – si legge nel comunicato – viene aggiornata regolarmente e la polizia è presente sul luogo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spagna, il Tribunale di Strasburgo ordina la liberazione di una terrorista Eta

prev
Articolo Successivo

Cani pericolosi, nel Regno Unito 14 anni ai proprietari in caso di attacchi fatali

next