“Sai come Mondadori tratta i suoi lavoratori? Il 50% dei lavoratori di Mondadori è precario, malpagato, sfruttato. Mondadori fa pagare la crisi ai suoi collaboratori, fregandosene della loro professionalità e della qualità dei libri. Se questa è un’azienda.”

volantino-contraMondadori

Così era scritto sui volantini che redattori precari e devoti di San Precario hanno distribuito ieri, venerdì 11 ottobre, davanti e all’interno del Multicenter Mondadori, in Corso Vittorio Emanuele, in pieno centro milanese. Il santo dei precari è apparso munito di megafono per spiegare ai clienti e ai lavoratori della libreria la grave situazione in cui versano i precari che lavorano per le case editrici del Gruppo.

Il Gruppo Mondadori è costituito, oltre alla case madre, da una costellazione di case editrici che vanno da Sperling & Kupfer, Piemme, Einaudi, Mondolibri, Electa, senza contare il settore della scolastica, con Mondadori Education;  un censimento della Rete dei Redattori Precari nel 2012 ha rilevato che circa  il 50% dei contratti è di tipo precario; si parla di più di 250 testimonianze raccolte.

L’utilizzo di queste forme dura da parecchi anni (più di dieci); inizialmente la forma più diffusa era il contratto a progetto. Nell’ultimo anno, vari gruppi editoriali (ad esempio la Rcs) hanno iniziato pesanti processi di ristrutturazione, volti a risparmiare sui costi di produzione, già ridotti all’osso. Basti pensare che in media il costo del lavoro nelle case editoriali difficilmente supera il 30% dei costi totali. La Mondadori non fa eccezione. E così dalla scorsa estate, la dirigenza ha pensato bene di imporre a molti precari di passare a partita Iva, e chi non ha accettato…a casa.

In un contesto caratterizzato da forte eterodirezione mono-committente, la partita Iva rappresenta oggi uno dei più flessibili contratti di lavoro, potendo scaricare sullo stesso lavoratore/trice qualunque incertezza. Inoltre, tali lavoratori sono del tutto privi di ammortizzatori sociali, con conseguenze in termini di ricattabilità che sono facilmente immaginabili.

Nulla però trapela nella stampa e nei media: i precari dell’editoria sono del tutto invisibili, e l’azienda s è mostrata imperturbabile ai tentativi di aprire una trattativa sindacale. Così le lavoratrici precarie delle case editrici del gruppo, stanche di veder calpestati i propri diritti, si sono  rivolte al punto San Precario di Milano, ed è così partita la campagna comunicativa via twitter e facebook: #sequestaeunazienda, che ieri si è concretizzata in un’apparizione del santo in libreria.

mondadori

“Apri gli occhi! Questa cultura rende schiavi!”

La lotta è solo all’inizi. Stay tuned: #sequestaeunazienda

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Giovani: dottore, non so se sono un bamboccione!

next
Articolo Successivo

Lavoro, “oltre 200 milioni di disoccupati nel mondo, in aumento continuo”

next