“Ora basta!! E’ davvero troppo!! Siamo al fianco della Curva del Milan!!! Auspichiamo che tutte le curve facciano cori discriminanti per arrivare ad una domenica di totale chiusura degli stadi”. La Curva nord nerazzurra, cuore del tifo dell’Inter, si schiera accanto ai cugini del Milan contro le norme della giustizia sulla discriminazione territoriale. Il Milan giocherà a porte chiuse contro l’Udinese dopo la sanzione comminata per i cori intonati da alcuni sostenitori nel match contro la Juventus. “Stiamo con i napoletani – si legge anche nel lungo comunicato pubblicato online – Sì, proprio loro contro i quali coltiviamo forse la nostra più acerrima inimicizia”.

“Siamo pronti e auspichiamo che tutte le curve facciano cori discriminanti per arrivare a una domenica di totale chiusura degli stadi!!!”, prosegue la Curva nord. E ancora: “Questa volta sono gli ultras che vi ricordano la Costituzione della Repubblica Italiana”.

Dopo una lunga serie di domande, si arriva alla considerazione finale: “Ci riserviamo di proporre iniziative popolari coordinate con altri tifosi, ultras, con gli stessi tifosi dell’altra squadra della nostra città, con i nostri gemellati, con i nostri rivali storici e con chiunque comprenda lo sbalorditivo tentativo di imporre alle nostre menti un perbenismo alieno frutto dei pazzi psicotici che comandano il nostro calcio, il nostro paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio e razzismo, la stangata sul Milan imposta dalle norme poco chiare dell’Uefa

next
Articolo Successivo

Mennea, i fratelli chiedono il sequestro del patrimonio. “Il testamento è falso”

next