Alessandro Sallusti non si tocca. E’ questo il messaggio che Paolo Berlusconi, fratello del Cavaliere nonché editore de il Giornale, ha fatto diffondere tramite una nota per smentire e rispondere alle voci che volevano l’attuale direttore del quotidiano di famiglia vicino alla sostituzione. Un ipotetico avvicendamento che non sarebbe avvenuto per motivi giornalistici, bensì per questioni politiche: nella lotta tra falchi e colombe per la presa del Pdl, infatti, il segretario Angelino Alfano avrebbe chiesto a Silvio Berlusconi di ridimensionare il ruolo dei vari Brunetta, Santanché e, soprattutto, Verdini in cambio dell’addio al progetto di scissione. L’unità in cambio del controllo del Pdl, insomma, con quest’ultimo che passa anche dal potere mediatico esercitato da il Giornale.

E in quest’ottica il vicepremier avrebbe chiesto proprio di sostituire Sallusti con un nome più vicino alle istanze delle colombe. Un’ipotesi concreta e non solo da retroscena politico, che però Paolo Berlusconi ha voluto allontanare tramite una nota stringata ma dal contenuto inequivocabile. “Paolo Berlusconi, editore de il Giornale, smentisce categoricamente le illazioni apparse su diversi quotidiani che legano in modo strumentale e inaccettabile le attuali vicende politiche alla vita de il Giornale – si legge nel comunicato stampa – Rivendicando la piena e assoluta autonomia della testata, l’editore conferma la sua fiducia nel direttore Alessandro Sallusti e si riserva di tutelare la dignità de il Giornale nelle sedi opportune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vo Nguyen Giap, onore (questa volta) al giornalismo americano

prev
Articolo Successivo

Crisi Corriere della Sera, il primo novembre via alla cassa integrazione

next