Una donna di 33 anni alla 21esima settimana di gestazione è morta all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Lo annuncia il policlinico. Ieri sera si era presentata al ps ostetrico con dolori addominali. Dopo un tentativo non riuscito di indurre il parto,verificata la morte del feto, i medici sono intervenuti d’urgenza. Morta dopo arresti cardiaci.

A seguito dell’intervento d’urgenza, la donna era in condizioni molto critiche, e dopo più arresti cardiaci, è deceduta. L’azienda ospedaliera universitaria informa che la donna aveva fatto un’ecografia morfologica che aveva rilevato malformazioni significative del feto. In seguito, mercoledì scorso, era stata fatta un’amniocentesi, per completare la consulenza genetica. L’esame era stato accompagnato da una profilassi antibiotica. Nell’esprimere il proprio cordoglio e la vicinanza alla famiglia, il policlinico “conferma il proprio impegno ad analizzare ogni aspetto di quanto accaduto per migliorare il livello di assistenza e cura verso i propri pazienti, riducendo il più possibile ogni margine di imponderabilità”.

La Procura di Bologna ha aperto un’inchiesta sul caso della donna, una romena di 33 anni, deceduta alla ventunesima settimana di gestazione all’ospedale Sant’Orsola. Il fascicolo, affidato al pm di turno Manuela Cavallo e al pm Augusto Borghini (del pool di pm che si occupa di colpe mediche) ipotizza il reato di omicidio colposo. I magistrati valutano anche la contestazione dell’aborto colposo. Verrà fatta l’autopsia, fissata per metà della prossima settimana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manifestazioni: la mia battaglia prosegue, la mia presenza in piazza no

next
Articolo Successivo

Bersani, ora si indaga sul conto corrente cointestato con la segretaria Veronesi

next