“L’obiettivo di Berlusconi è portare al voto velocemente il Paese per evitare il voto sulla sua decadenza. Solo così si spiega l’accelerazione di ieri”. Così il segretario del Pd Guglielmo Epifani, intervenendo a In mezz’ora, ha commentato il gesto dell’ex premier, che ieri ha di fatto aperto la crisi costringendo i suoi ministri a dimettersi.

”Non ci interessano i governicchi ma lavorare per il Paese”, ha avvertito, sottolineando che “se ce la facciamo a fare un governo di servizio bene, se no ritorna la parola ai cittadini e al voto. Il Pd è pronto a tutto”. Il segretario del Pd, dopo avere confermato la data dell’8 dicembre per le primarie del congresso Pd, ha spiegato che ”noi siamo favorevoli, alla condizione di oggi, ad un governo che abbia due priorità non per il Pd ma per il Paese: la legge di stabilità e la legge elettorale“.

Secondo Epifani “non c’è quindi alternativa: come primo atto bisogna che il premier renda in Parlamento conto di quanto è successo, dire di fronte al Paese che cosa sta avvenendo e lì ognuno si assume la sua responsabilità”. Per quanto riguarda l’intervento del capo dello Stato Giorgio Napolitano, che ha invitato il Parlamento a considerare provvedimenti come l’amnistia e l’indulto per risolvere il problema del sovraffolamento delle carceri, ha detto infine che “nell’intenzione del presidente quel gesto è relativo al sovraffollamento delle carceri. Quello era il suo orizzonte già indicato altre volte…non credo ci fosse un secondo fine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi di governo, i troppi servi della vergogna

prev
Articolo Successivo

Crisi governo, Grillo: “Esecutivo 5 Stelle unica via. Se non ci votate, mi tiro fuori”

next