Michele Santoro inaugura la nuova stagione di “Servizio Pubblico”, raccontando la condanna di Silvio Berlusconi per frode fiscale con un divertente aneddoto che coinvolge il cagnolino di Francesca Pascale. Il giornalista menziona le polemiche sui talk show e rammenta che la legge Severino era stata applaudita dallo stesso Cavaliere e dal Pdl: “Non è un problema di decadenza, ma di coerenza”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riguarda la puntata “La politica sporca”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, De Gregorio: “Quando fai politica, devi sporcarti le mani”

next