Lo scrivono tutti, molti quasi con un senso d’angoscia: “Qualunque cosa accada, Silvio Berlusconi resterà in politica “ (Le Monde). E se ce l’hanno loro, il senso d’angoscia, figuriamoci noi! Da tutta la saga del voto in giunta e del video di ieri, la stampa estera ricava soprattutto questo messaggio e fa questa sintesi: il Cavaliere “non getta la spugna e resta” (El Pais, Les Echos, El Mundo, etc etc), anche se la sua espulsione dal Senato è più vicina.

La stampa anglosassone è – come da luogo comune – più fredda e distaccata: “Berlusconi promette di continuare a guidare l’Italia, nonostante la condanna” (Financial Times), dove quel ‘promette’ –lo usano pure The Independent e Bbc – stride come una minaccia; ma “fa un passo indietro sulla crisi di governo”. The Guardian è colpito da “tono di sfida”, The Times dal riferimento alla cospirazione di sinistra.

Il video-messaggio non piace a nessuno: questione di contenuti e pure di regia, con lo sguardo fisso in camera e un contesto ieratico, solo la Bbc lo giudica “emotivo”.

Però qualcuno un po’ di propaganda se la beve. Sentite il WSJ, spesso non severo nel giudicare il Cavaliere: “Sempre uomo di spettacolo imprevedibile, Berlusconi utilizza lo strumento televisivo per rivendicare con aria di sfida il suo posto di rilievo al centro della politica italiana. Forse, però, è quello che non ha detto che fa più rumore: non una volta fa menzione della minaccia di fare cadere il fragile governo di coalizione”. Lo spagnolo Abc giudica che l’ex premier sia “tornato a interpretare il suo miglior ruolo, quello di se stesso” –altre volte, però, l’ha fatto con più efficacia-. Il francese Le Figaro lo considera ancora capace di “infiammare la politica italiana”.

Tutti sono convinti che Berlusconi, alla fine, sarà escluso dal Senato. E quasi tutti ritengono che, nonostante il passo indietro di fronte alla crisi, alla fine la crisi ci sarà. Anzi, Der Spiegel sostiene che “la crisi del governo non è mai finita e una crisi di governo è ancora possibile”: cioè, si litiga sempre e prima o poi si rompe.

Per una volta, noi e loro, i corrispondenti esteri, abbiamo capito la stessa cosa. E’ proprio vero che Berlusconi fa l’unanimità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Tv, Berlusconi e gli italiani: dipendenza senza fine

next
Articolo Successivo

Editoria in crisi, Repubblica non va in edicola: 10 giorni di sciopero contro i tagli

next