Terzo caso di Dengue a Bologna nel giro di pochi mesi. Il nuovo focolaio era stato segnalato martedì mattina e si è avuta la conferma dopo l’analisi di un campione di sangue al Laboratorio di riferimento regionale del Sant’Orsola-Malpighi. La persona, residente a Bologna, si era recata in Sud Est asiatico, dove ha contratto la malattia, trasmessa da una puntura di zanzara infetta. Attivata la disinfestazione nell’area circostante la casa e il luogo di lavoro.

Sempre a Bologna, giovedì 12 settembre era morto un anziano colpito dal virus West Nile, che si trasmette anch’esso attraverso la puntura di zanzare. In questo caso, la situazione non sembra così grave, anche se non si hanno ancora notizie sullo stato di salute della persona infetta. Solo in una piccola percentuale dei casi la Dengue sviluppa una febbre emorragica pericolosa per la vita. Il malato si è recato in ospedale dopo avere presentato sintomi come febbre alta e dolori muscolari. Al momento sono in corso le misure di disinfestazione, come da protocollo regionale, nell’area circostante la casa e il luogo di lavoro della persona colpita. I familiari sono stati istruiti sulle principali misure di protezione dalle punture di zanzara tigre per prevenire l’insorgenza di eventuali casi secondari. Le vie dove si terrà l’intervento di disinfestazione sono via Giuseppe Mezzofanti, via Jacopo Della Lana, via Paolo Costa, viale Alfredo Oriani, via Bruno Bencivenni, via Ercole Giacomini, via Francesco Magni, via Girolamo Cardano, via Luigi Pasteur, via Maurizio Bufalini, via Roberto Koch.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Modena, inceneritore e rifiuti: le contraddizioni del centrosinistra

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia, parcheggio interrato nel centro storico: Pd approva progetto di Delrio

next