Alessio Villarosa è il nuovo capogruppo del Movimento 5 Stella alla Camera. Dopo Roberta Lombardi e Riccardo Nuti, è il turno del deputato siciliano di trentotto anni. Nato a Barcellona Pozzo di Gotto, Villarosa è uno dei 12 grillini saliti sul tetto di Montecitorio per protestare contro il ddl sulle riforme costituzionali e colpito dalla sospensione di 5 giorni decisa dall’ufficio di presidenza della Camera.

Fra poche ore, il gruppo eleggerà in assemblea il nuovo vicecapogruppo, chiamato ad affiancare Villarosa e a prendere il suo posto tra tre mesi, come previsto dal Codice di comportamento degli eletti M5S. Villarosa è infatti il terzo capogruppo grillino alla Camera dall’inizio della legislatura. Succede, nell’ordine, a Roberta Lombardi (marzo-giugno) e Riccardo Nuti (giugno-settembre). Tra i papabili al ruolo di vicecapogruppo, circolano tra i più fedeli del Movimento i nomi di Giorgio Sorial, Riccardo Fraccaro, Carlo Sibilia, Laura Castelli e Sebastiano Barbanti. Secondo alcuni però, potrebbero esserci anche nuove candidature tra i più moderati o addirittura i critici: già tre mesi fa uscì a sorpresa il nome di Adriano Zaccagnini, dissidente dalla prima ora in seguito passato al gruppo misto. La partita è aperta, visti anche i meccanismi che regolano l’elezione del futuro capogruppo. Ogni singolo deputato dovrà infatti scrivere in un biglietto il nome del proprio candidato ideale: i parlamentari più votati dovranno sottoporsi a ‘graticola’, ovvero il fuoco di domande incrociate finalizzate a testarne la preparazione. A questo punto, si vota nuovamente scegliendo uno dei candidati in corsa. Se uno degli aspiranti otterrà metà dei voti dell’assemblea più uno, il nuovo vice è deciso. Altrimenti ci sarà un’ulteriore graticola e voto finale.

Al Senato, dove vigono altre regole, si ragiona invece sulla proroga di un mese dell’attuale capogruppo Nicola Morra, succeduto a Vito Crimi. L’assemblea dei senatori M5S dovrà infatti decidere, con votazione, se prolungare il mandato di Morra di un mese visti i tempi ‘morti’ del mese di agosto. Il timore è che la scelta possa portare a nuove rotture in un momento delicato. La volta scorsa al ballottaggio era arrivato Luis Alberto Orellana, che si era distaccato dall’attuale capogruppo per pochi voti e che è visto come rappresentante della voce più critica del Movimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decadenza Berlusconi, Augello: “Sta riflettendo se dimettersi e sulla fiducia”

next
Articolo Successivo

Governo, Letta: “E’ in bilico. Ma io e Napolitano non siamo parafulmini”

next