Rinviare l’espulsione di Silvio Berlusconi dal Senato sarebbe illegale. E’ quanto sostegono dieci dei maggiori costituzionalisti italiani in un documento congiunto pubblicato su www.avaaz.org, un sito di petizioni e campagne online, rigettando qualsiasi ipotesi di incostituzionalità della legge Severino. Oltre 130mila persone hanno firmato la campagna che chiede l’immediata decadenza dell’ex premier.

“Da quasi trent’anni che mi occupo dell’ineleggibilità dei componenti gli organi amministrativi locali e, se rapportato a quello che ho visto dal mio osservatorio, quello che si sta verificando è per me incomprensibile o meglio giustificabile solo in base ad una talmente evidente disparità nel trattamento dei cittadini che non può che determinare tristezza”, scrive Ferdinando Pinto, professore ordinario di diritto amministrativo all’università Federico II di Napoli.

Le conclusioni dei dieci costituzionalisti (Alessandro Pace, Ernesto Bettinelli, Roberto Romboli, Ferdinando Pinto, Francesco Dal Canto, Riccardo Guastini, Salvatore Bellomia, Gianni di Cosimo, Antonio D’Andrea e Umberto Allegretti) contraddicono i pareri depositati alla Giunta delle elezioni e dell’immunità del Senato dalla difesa dell’ex premier. Che chiede il ricorso alla Consulta e la sospensione dei lavori dell’organismo del Senato per approfondimenti sulla norma varata dall’ex ministro della Giustizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La grazia a Berlusconi se risolve la guerra in Siria

prev
Articolo Successivo

Vitalizi, la Calabria dice no al referendum sull’abolizione proposto dall’M5S

next