Botta e risposta tra Alessandra Moretti (Pd) e Carla Ruocco (M5S), ospiti questa mattina ad Agorà Estate, su Rai Tre. ”Il Movimento 5 Stelle in aula ha atteggiamento distruttivo e dice ‘no’ a prescindere su tutto”, afferma la deputata democratica che prosegue: “Dobbiamo capire se vogliamo iniziare a crescere e diventare adulti o continuare a rimanere bambini privi di un’iniziativa politica che dia un segnale agli otto milioni di cittadini che hanno votato il Movimento”. Immediata la replica della deputata 5 Stelle, Carla Ruocco: ”L’onorevole Moretti ha detto il falso. Abbiamo presentato numerosi emendamenti sui tagli dei costi della politica, sull’abolizione dell’Imu anche alle imprese. Abbiamo proposto emendamenti che prevedevano la pianificazione di un fondo per il rilancio dell’economia. Queste cose sono state tutte bocciate in commissione. Evidentemente – ha concluso Ruocco – l’onorevole Moretti non è proprio informata sul lavoro che facciamo. Siamo gli unici che lavorano. Siamo gli unici ad essere dalla parte dei cittadini. Dico all’onorevole Moretti che io non sono una ragazzina”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi aziendalista, la politica come il marketing

prev
Articolo Successivo

Quotidiano Libero, bilancio in profondo rosso. Ora lo Stato non paga più

next