Botta e risposta tra Alessandra Moretti (Pd) e Carla Ruocco (M5S), ospiti questa mattina ad Agorà Estate, su Rai Tre. ”Il Movimento 5 Stelle in aula ha atteggiamento distruttivo e dice ‘no’ a prescindere su tutto”, afferma la deputata democratica che prosegue: “Dobbiamo capire se vogliamo iniziare a crescere e diventare adulti o continuare a rimanere bambini privi di un’iniziativa politica che dia un segnale agli otto milioni di cittadini che hanno votato il Movimento”. Immediata la replica della deputata 5 Stelle, Carla Ruocco: ”L’onorevole Moretti ha detto il falso. Abbiamo presentato numerosi emendamenti sui tagli dei costi della politica, sull’abolizione dell’Imu anche alle imprese. Abbiamo proposto emendamenti che prevedevano la pianificazione di un fondo per il rilancio dell’economia. Queste cose sono state tutte bocciate in commissione. Evidentemente – ha concluso Ruocco – l’onorevole Moretti non è proprio informata sul lavoro che facciamo. Siamo gli unici che lavorano. Siamo gli unici ad essere dalla parte dei cittadini. Dico all’onorevole Moretti che io non sono una ragazzina”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grandi emittenti pirata: il caso Canal+ e il ‘furto’ di creatività

next
Articolo Successivo

Quotidiano Libero, bilancio in profondo rosso. Ora lo Stato non paga più

next