Nessun passo indietro. Il segretario del Partito democratico Guglielmo Epifani respinge il diktat dei colleghi di governo del Popolo della libertà dopo il vertice di Arcore. “Il Pd respinge con forza qualunque ricatto o ultimatum del Pdl“, ha detto Epifani in un’intervista a Repubblica, “quella di Berlusconi non è una questione democratica. E’ un caso di assoluto rilievo politico, ma riguarda principalmente la destra. Non tocca a nessun altro risolverlo: né a Napolitano, né a Letta, né al Pd. Il Pdl decida cosa vuole fare, e se ne assuma la responsabilità di fronte al Paese”.

L’esito dell’incontro degli stati generale del Pdl, è visto da Epifani come un vero e proprio ultimatum al governo e al Pd che il segretario democratico dice di non essere disposto a far passare. Per il leader Pd sull'”agibilità politica” del Cavaliere non si tratta. “L’unica cosa davvero inaccettabile, in tutta questa vicenda”, dichiara Epifani, “è la motivazione che spinge Berlusconi a far saltare il tavolo. Vorrei dire una volta per tutte che in gioco non c’è alcuna “questione democratica”. C’è solo da uniformarsi alle regole dello Stato di diritto, rispettando la separazione dei poteri, se non vogliamo diventare una Repubblica delle banane“. Un ragionamento che prelude al sì del Pd in Giunta al Senato sulla decadenza del Cavaliere? “Il Partito democratico”, risponde Epifani, “rispetterà la legge. Ma è chiaro che voteremo sì. Non ho mai avuto dubbi, né per il voto palese in giunta né per il voto segreto in aula. Tra di noi non ci saranno franchi tiratori. E questa decisione non nasce dal fatto che vogliamo “eliminare per via giudiziaria un avversario politico”, cosa che in via di principio va sempre esclusa. Lo facciamo invece perché è giusto così e perché questo è ciò che ci impone il principio di legalità. Nessun giustizialismo da parte nostra, ma nessun salvacondotto per chiunque. Ed è la stessa cosa -conclude il leader democratico- che abbiamo fatto quando si è trattato di valutare i comportamenti della nostra parte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Provincia di Napoli sta per scomparire, ma il presidente assume 34 persone

prev
Articolo Successivo

Decadenza Berlusconi, parla un “dissidente” Pdl. Scoma: “Responsabilità”

next