Il primo giorno sono arrivati in venti, il secondo erano oltre cento e il terzo giorno è arrivata l’ultima decina. Donne e uomini di ogni età che si sono disposti lungo la sponda del fiume Las Piedras armati di bastoni, lance e frecce, e hanno affrontato in un lungo e silenzioso duello i forestali e i ranger in quel lembo di foresta Amazzonica che coincide con la zona sudorientale del Perù. Sono gli ultimi appartenenti alla tribù indigena dei Mashco-Piro, una delle tribù isolate dell’America Latina, che mai hanno avuto contatti con il mondo esterno. Sono arrivati lì alla fine di giugno per difendere il loro territorio dalle compagnie petrolifere, le industrie della deforestazione, la civiltà che avanza. Dopo qualche giorno, e un breve contatto con la tribù degli Yino da cui hanno ricevuto corde, machete e qualche banana, sono spariti di nuovo, tornati nelle foreste del Monte Salvado che da sempre è la loro casa.  

I Mashco vivono di caccia e di raccolta. La leggenda vuole che il loro primo, sanguinario, incontro con il progresso sia avvenuto alla fine dell’800 con il latifondista peruviano Carlos Fitzcarrald, quello che ispirò l’omonimo capolavoro cinematografico di Werner Herzog, che ne trucidò e sterminò la maggior parte. La storia racconta anche che le prime immagini della loro esistenza risalgano invece alla fine secolo scorso, quando avevano intrapreso una dura lotta contro i taglialegna e i narcotrafficanti che cominciavano a invadere le loro terre, per prenderne il legno o usarle come nascondiglio. Poi i Mashco si erano ritirano di nuovo e di loro non si era più nulla.  

Turisti e popolazioni vicine ogni tanto lasciano cibo nelle vicinanze, in punti dove la tribù, secondo gli ultimi rilevamenti composta da poche centinaia di elementi, possa raccoglierli. Ci sono stati altri avvistamenti e fotografie, da lontano, per lo più da parte di ecologisti e antropologi. Fino al primo incontro voluto da loro: nel 2011, quando sono scesi a valle e si sono disposti a gruppi lungo le rive de Las Piedras, sembra, per chiedere cibo e utensili e banane agli Yino.

Con questo improvviso e minaccioso ritorno, in assetto da guerra, i Mashco vogliono denunciare le compagnie petrolifere Pluspetrol, Hunt Oil e Repsol che stanno espandendo il gigantesco progetto energetico Camisea, che include estrazione, trasporto e distribuzione di gas naturale. Finanziate dalla Banca interamericana di sviluppo (Bid), scavi e trivellazioni per cercare petrolio e gas naturali stanno provocando sfollamenti di tribù indigene, deforestazione, inquinamento delle acque e insorgenza di malattie. Anche attraverso il continuo via vai di aerei che volano a bassa quota e di mezzi pesanti, che sporcano l’aria. Perché è bene ricordarlo, una delle cause primarie del genocidio dei nativi americani, oltre alla spada dei conquistadores, fu l’importazione nel territorio di germi e batteri da cui gli indigeni non erano immuni. E anche per questo il governo peruviano e quelli confinanti proibiscono i contatti con le tribù isolate.

twitter: @ellepuntopi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fukushima, perdita di acqua radioattiva dalla centrale: “Livello grave”

prev
Articolo Successivo

Carbon tax, dopo i paesi scandinavi anche la Francia di Hollande vuole la ‘tassa verde’

next