Dopo il successo dei Fori Pedonali – rimbalzati sui media di tutto il mondo – e all’indomani della manifestazione del Pdl/Forza Italia in via del Plebiscito – con tanto di segnali stradali segati per fare posto al palco non autorizzato – il sindaco di Roma Ignazio Marino lancia la sua nuova idea urbanistica: “Pedonalizziamo Berlusconi”.

Il progetto del sindaco è esposto in una nota del Campidoglio: in breve, il Comune di Roma offre a Berlusconi, quando ad ottobre dovrà scegliere come scontare la propria pena, di optare per la pedonalizzazione della sua persona – che rientrerebbe nell’opzione “servizi sociali”.

Se così farà, Berlusconi dovrà stendersi sulla schiena e diverrà calpestabile; e pedoni, ciclisti, gente con i rollerblade e i turisti potranno passarci sopra – un po’ come lui ha sempre fatto nei confronti della Costituzione e, da ieri, anche nei confronti della segnaletica stradale e delle regole di occupazione del suolo pubblico.

“Berlusconi sarà la passeggiata dei romani, anzi, di tutti gli italiani” spiega il sindaco Marino “perché con tutti quei lifting il suolo è liscio, e ci puoi camminare sopra anche con i tacchi a spillo che stai sicura che non ti si incastrano – a differenza che sui sampietrini o sulle grate per strada. C’è giusto la cunetta della panza, ma sarà adattata come rotatoria per la pista ciclabile. Nessun problema invece per il fallo in erezione: come hanno assicurato gli speleologi, da dopo la condanna in Cassazione non gli s’alza più. Inoltre, essendo basso, la passeggiata sarà corta e piacevole. E con la sovraintendenza stiamo già studiando un percorso archeologico per ammirarne le rovine.”

Il Pdl protesta: “La pedonalizzazione di Berlusconi creerebbe solo caos e problemi alla viabilità: tutte le persone che vorrebbero metterlo sotto con la macchina – che sono tantissime – sarebbero deviate, con conseguente congestione del traffico nelle vie limitrofe”.

Ma per ora il progetto del Comune di Roma va avanti – anche perché potrebbe portare ad un aumento del turismo a Roma del 500%.  Chi vivrà, vedrà; e forse ci camminerà sopra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Animali domestici 3

next
Articolo Successivo

Guard Rail

next