Adorate vacanze, odiatissime file al check in. Inventiamo i passatempi più fantasiosi pur di far passare le ore che siamo costretti a riempire durante le attese negli aeroporti. Senza contare l’ingombro delle valigie da trascinare, dopo averle pesate a casa sulla bilancia per non pagare fastidiose more per il peso eccessivo. E l’arte di impacchettare nelle bustine trasparenti i famigerati liquidi che non devono superare i 100 ml? Ormai ci siamo tutti abituati ma non è certo un modo divertente di impiegare il tempo.

Qualcuno a tutto questo deve averci pensato e per risolvere il mal comune s’è inventato un servizio dalla disarmante semplicità ma che si prospetta rivoluzionario. Stiamo parlando di BagExpress (qui il sito per conoscerne i dettagli). In cosa consiste esattamente? Si pagano 30 euro per viaggiare in Italia e 50 invece per l’Europa – questi i prezzi previsti dall’offerta estiva – e si viaggia liberi, senza bagagli. Che si muovono per conto loro e arrivano prima di noi. In pratica, ci attendono in albergo a destinazione.

I vantaggi? Parecchi, a conti fatti. Niente restrizioni di peso, e da qui il fortunato slogan “Con BagExpress anche il bagaglio più pesante parte con il peso più leggero“; niente file per la registrazione della valigia da imbarcare in stiva; niente prezzi aggiuntivi per chi non si accontenta di pressare il necessario per le proprie vacanze dentro un (minuscolo) bagaglio a mano.

Il servizio si identifica, a ragione, come “ritiro e consegna intelligente del bagaglio” e vanta natali italiani, grazie all’intuizione di Chiara Inizio, ad dell’azienda. Gli smart traveller possono usufruire in tutta sicurezza di BagExpress anche nei giorni festivi, spedire valigie, trolley, bauli e anche bagagli speciali senza limiti di quantità e per un peso fino a 70 chilogrammi. Si paga con carta di credito e si prenota per telefono o via internet, dove è anche possibile monitorare il percorso del bagaglio dal momento della sua partenza a quello dell’arrivo nel luogo prescelto.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Cilento e il sogno dello “Slow Sud” tra sapori della tradizione e ricordi

next
Articolo Successivo

Weekend in Italia, “Green” Sovicille: nel Senese mercati bio, pievi e foreste

next