Adorate vacanze, odiatissime file al check in. Inventiamo i passatempi più fantasiosi pur di far passare le ore che siamo costretti a riempire durante le attese negli aeroporti. Senza contare l’ingombro delle valigie da trascinare, dopo averle pesate a casa sulla bilancia per non pagare fastidiose more per il peso eccessivo. E l’arte di impacchettare nelle bustine trasparenti i famigerati liquidi che non devono superare i 100 ml? Ormai ci siamo tutti abituati ma non è certo un modo divertente di impiegare il tempo.

Qualcuno a tutto questo deve averci pensato e per risolvere il mal comune s’è inventato un servizio dalla disarmante semplicità ma che si prospetta rivoluzionario. Stiamo parlando di BagExpress (qui il sito per conoscerne i dettagli). In cosa consiste esattamente? Si pagano 30 euro per viaggiare in Italia e 50 invece per l’Europa – questi i prezzi previsti dall’offerta estiva – e si viaggia liberi, senza bagagli. Che si muovono per conto loro e arrivano prima di noi. In pratica, ci attendono in albergo a destinazione.

I vantaggi? Parecchi, a conti fatti. Niente restrizioni di peso, e da qui il fortunato slogan “Con BagExpress anche il bagaglio più pesante parte con il peso più leggero“; niente file per la registrazione della valigia da imbarcare in stiva; niente prezzi aggiuntivi per chi non si accontenta di pressare il necessario per le proprie vacanze dentro un (minuscolo) bagaglio a mano.

Il servizio si identifica, a ragione, come “ritiro e consegna intelligente del bagaglio” e vanta natali italiani, grazie all’intuizione di Chiara Inizio, ad dell’azienda. Gli smart traveller possono usufruire in tutta sicurezza di BagExpress anche nei giorni festivi, spedire valigie, trolley, bauli e anche bagagli speciali senza limiti di quantità e per un peso fino a 70 chilogrammi. Si paga con carta di credito e si prenota per telefono o via internet, dove è anche possibile monitorare il percorso del bagaglio dal momento della sua partenza a quello dell’arrivo nel luogo prescelto.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Cilento e il sogno dello “Slow Sud” tra sapori della tradizione e ricordi

prev
Articolo Successivo

Weekend in Italia, “Green” Sovicille: nel Senese mercati bio, pievi e foreste

next