C’è chi muore per un’idea, è successo 15 anni fa all’anarchica Soledad Rosas, suicida in carcere dopo un processo imbastito contro i primi No Tav. C’è chi si batte fisicamente per un’idea, succede in Turchia, in Grecia, dove giovani e meno giovani sfidano le forze dell’ordine. C’è chi ammira chi ci mette la faccia, come si suol dire, basta che lo faccia a casa sua: perché quando gli studenti vengono manganellati in Italia allora no, allora sono Black Block e delinquenti.

C’è chi combatte scrivendo e per quello che scrive viene perseguitato, deriso, offeso e pure arrestato. E poi c’è chi confonde il “metterci la faccia” con l’andare dal visagista. Bella definizione che ho letto sul web. La rivoluzione è una cosa seria ma parola abusata, la critica feroce è battaglia rischiosa, non la puoi fare a metà. Cosa vuol dire però metterci la faccia?

Quello infondo, in quest’era narcisista lo facciamo tutti. Anzi, c’è la corsa a poter mostrare la propria faccia. La rivoluzione, quella vera, ma quella vera veramente è non delegare ai Messia, ai leader mediatici, ma rivoluzionare te stesso. Non appartenere a nessuna faccia o dottrina ma essere, sul serio: questa è la sfida. Non basta un visagista, non basta una buona penna, non basta un cannone: o sei o appari. Senza mezzi termini e pagandone lo scotto.  

Così come fanno i movimenti di lotta per la casa, quelli contro gli sgomberi, così come fa chi lotta contro i Cie, contro il Tav e il Muos ed è sempre, davvero dalla parte giusta della piazza (che di solito non è il palco di chi arringa).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oltre la solita Sardegna

next
Articolo Successivo

Ri-cercando il volto bello della Milano che si alza

next