Lo ricordava già, nel 1998, in modo semplice e didascalico, l’attore Gene Hackman nel film Nemico pubblico, trasposizione cinematografica dei misteri di Echelon, il sistema di sorveglianza globale: “Se tu parli al telefono con tua moglie e dici le parole “bomba”, “presidente”, “Allah” – le parole chiave sono centinaia – il computer le riconosce, le registra e le segnala agli analisti”. Quella tecnica di spionaggio, nata in piena Guerra fredda dalla collaborazione tra i servizi di intelligence di Usa, Canada, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda, in seguito è stata estesa ad altri paesi (ieri Le Monde ha svelato l’esistenza di un estesissimo Big Brother francese gestito dalla direzione dei servizi segreti esteri e condiviso con le altre strutture dello Stato, nella più perfetta illegalità) e perfezionata dal punto di vista tecnologico.

Ma, nel fondo, la strategia di “ascolto” è sempre quella. Attraverso un’impressionante rete di satelliti spia, basi d’intercettazione terrestri e mega-cervelloni, vengono filtrati miliardi di comunicazioni di ogni tipo, che circolano via satellite, lungo i cavi sottomarini a fibre ottiche o rimbalzano sulle frequenze delle antenne a microonde: conversazioni telefoniche, sms, messaggi email, fax e così via.

Il problema è come smaltire questa mole sconfinata di informazioni. Sono i centri d’ascolto, attraverso i loro database, a leggere in tempo reale le comunicazioni, centrando l’attenzione solo su quelle che contengono le keywords, le parole-chiave inserite in precedenza nel cervellone.

Gli analisti si occupano poi di catalogare il materiale in base a una suddivisione ragionata per argomenti, nomi di persone, paesi, organizzazioni che compaiono nella lista delle parole chiave. Ovviamente, le keywords sono in continua evoluzione: con cadenza regolare, c’è chi suppone che più o meno settimanale, alcune vengono rimosse dai computer e sostituite con altre più attuali. Inutile dire che non scompariranno mai termini tipo terrorismo, bomba, esplosivo, droga, guerriglia o Jihad. Ma anche gli armamenti più svariati, dal classico Ak-47 (il fucile kalashnikov) al missile antiaereo Stinger.

Però, se un tempo parlare di Saddam, Gheddafi o Castro poteva far scattare il campanello d’allarme degli spioni globali, in epoche più recenti hanno preso quota – ad esempio – Ahmadinejad o Bashar al Assad. Tutto dipende dall’attualità politica e dalle emergenze internazionali. Anche dire “sei una bomba” o parlare di una “bionda esplosiva”, ci fa entrare di pieno diritto nella lista dei sospetti.

Il Fatto Quotidiano, 5 Luglio 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kazakistan, Ablyazov a Letta: “Perché mia moglie e mia figlia sono state espulse?”

next
Articolo Successivo

Te la do io l’Onu/11 - Ma la Fao a che serve?

next