Con l’annuncio della Banca popolare di Milano si conclude una settimana di intense trattative tra le squadre di calcio milanesi e le banche, impegnate a stringere accordi di sponsor per migliorare l’immagine. L’istituto lombardo ha siglato oggi, nella Sala dei trofei in via Turati a Milano, un nuovo accordo di sponsorizzazione con il Milan, che lega le due società per i prossimi tre anni. Bpm entrerà così a far parte dei sei top sponsor della squadra di calcio, interrompendo il rapporto che Intesa Sanpaolo aveva con il team da oltre 15 anni.

L’intesa, siglata in collaborazione con Infront Italy, da anni advisor ufficiale del club rossonero, prevede lo studio e l’implementazione di attività rivolte ai tifosi, alle famiglie, ai giovani oltre ad attività di B2B con il parterre di sponsor che hanno scelto di accostare il proprio nome a quello del Milan. “Offerte bancarie innovative studiate ad hoc e lo sviluppo dei canali online”, precisa il comunicato, “saranno solo il punto di partenza di una serie di iniziative di co-branding e co-marketing fra le due grandi società”.

“Col Milan speriamo di avere un futuro moderno e giovane”, ha commentato Piero Montani, consigliere delegato della Bpm. “Ringraziamo Intesa San Paolo, vecchio sponsor del Milan, e l’Inter di cui eravamo sponsor ma siamo convinti questa sia la scelta migliore”. Mentre Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha detto: “Il nome ‘Milano’ ha pesato molto nella scelta, noi sentiamo moltissimo la milanesità e per questo abbiamo scelto come sponsor la Bpm, che con la sua sede di Piazza Meda rappresenta perfettamente la milanesità”. E ha aggiunto: “Ora due grandi aziende leader a Milano si uniscono, per fare in modo che la nostra città non retroceda”.

Non si è fatto attendere anche il commento di Andrea Bonomi, presidente del consiglio di gestione di Bpm, impegnato da tempo in uno scontro con i dipendenti-soci. “Se l’Inter vuole continuare a fare l’assemblea degli azionisti nella Sala delle colonne saremo entusiasti”, ha precisato. “Devono solo mettersi d’accordo con il Milan, come fanno con San Siro”.

L’accordo segue di pochi giorni la mossa di Deutsche Bank, che ha ufficializzato la partnership con l’Inter, diventando top sponsor del club nerazzurro. Per l’istituto di credito tedesco, che ha in Italia il suo primo mercato europeo dopo la Germania, segna l’ingresso nel mondo del calcio italiano, con un servizio particolare per i tifosi nerazzurri: il finanziamento degli abbonamenti per la prossima stagione. ”Abbiamo un partner di sicura affidabilita, con cui possiamo condividere strategie rivolte ai nostri tifosi”, ha commentato martedì scorso Marco Fassone, direttore generale dell’Inter. “Questo è un importante traguardo per il nostro istituto”, ha aggiunto Flavio Valeri, chief country officer di Deutsche Bank Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tour de France, fatti e fughe – La prima maglia gialla africana e quei brindisi di Zaaf

prev
Articolo Successivo

Defibrillatori, la legge obbliga i club sportivi. Ma la Corte dei Conti la blocca

next