Non avrai altro Dio all’infuori di me”: questo il tema dell’ottava puntata de ‘I dieci comandamenti’ (stasera alle 23,45), il programma di Rai3. La prima parte è dedicata a Silvio Berlusconi. Attraverso la forza evocatrice dell’opera d’arte “Il sogno degli italiani” di Garullo e Ottocento, intervistati da Domenico Iannacone, si snoda il racconto della vita pubblica e privata del Cavaliere, il suo rapporto con il sacro e i vari aspetti della sua morale. Berlusconi raccontato come una icona pop. Nella puntata Iannacone ripercorrerà la vicenda surreale di un giovane che si sarebbe risvegliato dal coma, Andrea Carloni, dopo un grave incidente stradale nel 1997. I genitori avrebbero fatto ascoltare al ragazzo malato, decine di ore di registrazioni di comizi e altro del Cav. Chiuderà il racconto l’intervista a Mariano Apicella, amico, musicista e testimone delle serate ad Arcore. Nella seconda parte, il giornalista entra in contatto con due diverse forme di devozione religiosa. La prima descrive l’Ordo Virginum, la consacrazione di donne laiche che hanno fatto la scelta di preservare la loro verginità in una cerimonia solenne davanti al proprio Vescovo. A chiudere un’inaspettata conversione all’Islam: Ciro, pizzaiolo napoletano, un giorno entra in una libreria per acquistare un libro su Maradona e ne esce con il Corano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Fatto del lunedì: adesso importiamo anche i mafiosi

prev
Articolo Successivo

Rai, Gubitosi snocciola i conti della Casta di viale Mazzini

next