Camera e Senato si coordinano per “razionalizzare e ridurre” i costi del Parlamento, “a partire dall’unificazione di taluni servizi”. E’ quanto comunica una nota, al termine dell’incontro di questo pomeriggio a Montecitorio, tra i presidenti di Camera e Senato, i due collegi dei Questori, i vertici dirigenziali dei due rami del Parlamento. “L’obiettivo è arrivare a conclusioni operative auspicabilmente entro la pausa estiva”.

Al centro dell’incontro dei presidenti Laura Boldrini e Pietro Grasso “il confronto sullo stato di avanzamento dei progetti di razionalizzazione e riduzione dei costi nei vari ambiti di attività del Parlamento, a partire dall’unificazione di taluni servizi tra le due Camere”. “Su queste materie, i competenti organi di Camera e Senato sono impegnati a completare i necessari approfondimenti – si legge in una nota – con l’obiettivo di arrivare a conclusioni operative auspicabilmente entro la pausa estiva”.

Nel corso dell’incontro si è parlato, secondo quanto si apprende in ambienti parlamentari, anche del taglio degli stipendi dei deputati e senatori e dei dipendenti delle due camere. In particolare, per quanto riguarda gli stipendi dei dipendenti, sempre secondo quanto si apprende, qualsiasi iniziativa – si è convenuto – dovrà essere presa nel rispetto delle trattative sindacali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

E ora sopprimere la Cassazione

prev
Articolo Successivo

Riforme costituzionali: se a scriverle sono gli amici dei ladri

next