Intervista in esclusiva di Valentina Petrini per “Piazza Pulita”, su La7, alla parlamentare del Movimento 5 Stelle Paola Pinna. Il deputato sardo, che ha difeso con veemenza la senatrice Adele Gambaro, punta il dito contro il Movimento: “Ti chiedono perchè si vota”, o perchè no” – accusa – “c’è una brutta atmosfera, un clima da psicopolizia. Subito ti dicono: ‘Allora tu vuoi i soldi, lo fai per la diaria’. Vogliono delegittimarti”. E aggiunge: “I talebani facevano la conta dei dissidenti. Nel M5S ci chiamiamo così: ‘talebani’ che sono i duri e puri, gli integralisti, i fedelissimi, gli oltranzisti e ‘dissidenti’“. Finchè ci saranno talebani” – continua – “ci saranno anche dissidenti”. E sulla possibilità di essere espulsa per l’intervista rilasciata, la Pinna afferma: “Dovrei essere cacciata per aver ampliato il dibattito? Sarebbe un peccato per il Movimento”. La parlamentare accusa anche il web: “Sto sperimentando la violenza che può essere scatenata dalla rete”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, sit in pro Grillo a Montecitorio: “I nostri valori non si discutono”

next
Articolo Successivo

Il generale Mini: “Il governo trasforma la Difesa in un trafficante di armi”

next