Ancora disagi per chi viaggia sui mezzi mezzi pubblici. Il sindacato USB ha proclamato uno sciopero di 24 ore dei trasporti pubblici per venerdì 14 giugno. Previste le consuete fasce di garanzia con modalità differenti città per città.

Roma
Trasporti Atac e Tpl garantiti da inizio servizio fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Inoltre, nella notte tra giovedì 13 e venerdì 14 giugno sono a rischio le corse delle linee notturne da N1 a N27. Allo sciopero USB, se ne aggiunge un secondo proclamato da Or.S.A. solo per i lavoratori della ferrovia Roma-Giardinetti. Previste anche in questo caso le fasce di garanzia.

Milano
Trasporti Atm garantiti da inizio servizio alle 8.45 e dalle 15 e alle 18.

Torino
Fasce orarie garantite per il servizio urbano e suburbano GTT: dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15.
Autolinee extraurbane garantite da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30.
sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres: da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30.

Bologna
Per il personale viaggiante dei servizi automobilistici e filoviari TPER dei bacini di servizio di Bologna e Ferrara (bus e corriere) lo sciopero si svolgerà dalle ore 8.30 alle ore 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio.

Napoli
Servizio Anm garantito nelle fasce orarie 5.30 – 8.30 (ultima partenza ore 8.00) e 17 – 20 (ultima partenza ore 19.30).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Blocco traffico Milano, domenica 9 giugno: stop ad auto e moto

prev
Articolo Successivo

Sciopero trasporti Atac Roma – 24 giugno: orari e modalità

next