Decine di Tir di traverso davanti agli ingressi dei porti della Sardegna per protestare contro il caro-traghetti e il monopolio dei collegamenti. La manifestazione promossa da Trasporto Unito e dal movimento Unidos Sardegna è scattata a mezzanotte dai porti di Cagliari Porto canale, Olbia e Golfo Aranci e proseguita quattro ore dopo a Porto Torres.

Nel capoluogo, di fronte ai cancelli del molo Dogana è stato disteso per terra uno striscione con la scritta “Basta monopoli” e mostrato lo striscione “Sardegna libera”. Per il momento, ha spiegato il deputato Mauro Pili (Pdl), tra i promotori dell’iniziativa, viene consentita l’uscita dei mezzi dagli scali, ma non l’ingresso. Coinvolti in tutta l’isola circa 200 autotrasportatori: la protesta dovrebbe continuare anche stasera quando dalla Sardegna partiranno i traghetti passeggeri per gli scali della Penisola.

A Olbia nel programma delle manifestazioni è previsto un presidio con lo stesso Pili e con il segretario nazionale di Trasporto unito Piero Longo. Il primo giugno scorso gli stessi manifestanti avevano effettuato un blitz nel porto di Arbatax. Erano saliti a bordo della nave Bonaria occupando il traghetto da dove avevano fatto calare anche uno striscione grande quanto la nave con due sole parole: “Basta monopoli”. Lo stesso giorno della protesta il ministro delle Infrastrutture e trasporti Lupi aveva garantito, con una nota ufficiale, l’immediata convocazione di un vertice sulla vertenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calatrava, lo scalo di Reggio Emilia e gli scheletri (di dinosauro)

prev
Articolo Successivo

Fiat, Melfi: 3 operai a giudizio per la protesta del 2010, uno è senatore Sel

next