Decine di Tir di traverso davanti agli ingressi dei porti della Sardegna per protestare contro il caro-traghetti e il monopolio dei collegamenti. La manifestazione promossa da Trasporto Unito e dal movimento Unidos Sardegna è scattata a mezzanotte dai porti di Cagliari Porto canale, Olbia e Golfo Aranci e proseguita quattro ore dopo a Porto Torres.

Nel capoluogo, di fronte ai cancelli del molo Dogana è stato disteso per terra uno striscione con la scritta “Basta monopoli” e mostrato lo striscione “Sardegna libera”. Per il momento, ha spiegato il deputato Mauro Pili (Pdl), tra i promotori dell’iniziativa, viene consentita l’uscita dei mezzi dagli scali, ma non l’ingresso. Coinvolti in tutta l’isola circa 200 autotrasportatori: la protesta dovrebbe continuare anche stasera quando dalla Sardegna partiranno i traghetti passeggeri per gli scali della Penisola.

A Olbia nel programma delle manifestazioni è previsto un presidio con lo stesso Pili e con il segretario nazionale di Trasporto unito Piero Longo. Il primo giugno scorso gli stessi manifestanti avevano effettuato un blitz nel porto di Arbatax. Erano saliti a bordo della nave Bonaria occupando il traghetto da dove avevano fatto calare anche uno striscione grande quanto la nave con due sole parole: “Basta monopoli”. Lo stesso giorno della protesta il ministro delle Infrastrutture e trasporti Lupi aveva garantito, con una nota ufficiale, l’immediata convocazione di un vertice sulla vertenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calatrava, lo scalo di Reggio Emilia e gli scheletri (di dinosauro)

next
Articolo Successivo

Fiat, Melfi: 3 operai a giudizio per la protesta del 2010, uno è senatore Sel

next