Nelle ultime elezioni amministrative di Roma aveva sbancato, riuscendo a farsi eleggere in due liste diverse, in due municipi differenti, il II e il XII. Ora però rinuncerà ad entrambi. Francesco De Salazar,  33 anni, ex An e poi La Destra era candidato per Fratelli d’Italia e per la lista civica di Alfio Marchini e aveva conquistato entrambe le poltrone. 

Ora però non siederà su nessuna delle due. Lo ha annunciato lo stesso De Salazar: “Al fine di evitare la strumentalizzazione di un errore commesso in buona fede, senza l’intenzione di trarre vantaggio da una doppia candidatura, comunico che rinuncio all’incarico da consigliere di entrambi i municipi pur potendo optare per uno dei due seggi “. E ora cosa farà? “Continuerò il mio impegno civico indipendentemente dalle cariche elettive con la passione e la responsabilità che da sempre mi appartengono”.

In precedenza, in un’intervista al Corriere, il candidato multieletto aveva definito la vicenda “una leggerezza” e aveva sbandierato la sua intenzione di “lavorare cinque anni nel II municipio”, ovvero quello in cui era stato eletto nelle file di Fratelli D’Italia. Anche dal comitato di Marchini, però, avevano fatto sapere che lui avrebbe optato per il XII municipio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Roma 2013, bandi prima del voto: ‘Corso di informatica? Vale più della laurea’

next
Articolo Successivo

Elezioni Avellino 2013, tutto cambia affinché nulla cambi

next