Beppe Grillo lancia un appello su twitter, invitando i simpatizzanti indignati a partecipare alla discussione sull’hashtag #leggetruffa per esprimersi sul ddl del governo volto a eliminare il finanziamento pubblico ai partiti. La risposta non si è fatta attendere sul social network, dove gli utenti hanno lasciato circa cinque commenti al minuto.

“L’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti? Operativo forse dal 2017. Perchè non dal 2027?” ironizza Dario E. mentre Gianni B. avverte: “Stavolta arrivano davvero i forconi! E le tasse le pagheremo tutti fra tre anni!”. “Questo non deve assolutamente passare dobbiamo scendere in piazza a tutti i costi”, propone invece Giuseppe. ”Si farà a meno di due F35 perevitare la CIG ai dipendenti PD’’, commenta un altro. E ancora: “I partiti mangeranno alle nostre spalle sempre e comunque”.

“Per sentire i media parlare di legge truffa la chiameremo ottuagenaria miracolata dalla rete..”, ironizza un altro indignato. Marco V. posta invece un fotogramma de “I soliti ignoti” a corredo della notizia. E non mancano proteste contro i media: uno, tra i tanti, scrive: “Adesso vediamo se i giornali e i telegiornali parleranno di questa legge truffa o continueranno con la loro disinformazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, “I ricchi di più”. Riguarda tutti i video della ventottesima puntata

next
Articolo Successivo

Rai, interrogazione di Sel contro la carica delle nomine di Gubitosi

next