Tutti con un tocco di rosso, tenendosi per mano per ricordare una a una le 59 donne che sono state uccise nel 2013. E per dire no ad altre violenze. E’ questo il significato del flash mob organizzato dalle consigliere della provincia di Milano, all’indomani dell’approvazione della convenzione di Istanbul da parte della Camera e dopo gli ultimi fatti di cronaca, con l’uccisione brutale della giovane Fabiana Luzzi da parte del fidanzato. Fuori da Palazzo Isimbardi si sono riunite oltre 200 persone, per un’iniziativa apartitica a cui hanno partecipato anche il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà e il presidente del consiglio provinciale Bruno Dapei. Dopo la lettura dei nomi delle 59 donne assassinate (non tutti i casi sono considerati femminicidi), le vittime sono state commemorate con un minuto di silenzio  di Luigi Franco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Balotelli, un pentito: “Spacciò per scherzo a Scampia”. Lui: “Bugia incredibile”

next
Articolo Successivo

Calabria, incendiata la casa di famiglia dell’ex sindaco antimafia

next