Avere come produttori più di 5000 persone comuni è l’evento più democratico del nuovo secolo cinematografico. Parliamo del film El Cosmonauta, il primo lungometraggio di fantascienza prodotto dalla Riot Cinema Collective che fissa un nuovo modello di finanziamento, produzione e distribuzione, utilizzando tutti gli strumenti possibili: internet, social network, comunità e telefonia mobile. Realizzato dallo spagnolo Nicolas Alcalas interamente con un progetto di crowdfunding che ha coinvolto più di 5000 persone per una cifra che va oltre i 400.000 €, e distribuito in licenza Creative Commons, “El Cosmonauta” è molto di più di un semplice film di fantascienza: è un evento che si candida a riscrivere le regole dell’industria cinematografica.

La sala Kinodromo di Bologna – via Pietaralata 55 – parteciperà il 14 maggio alla proiezione in contemporanea mondiale del film di Alcalàs. Dopo il lancio mondiale in contemporanea in 9 paesi diversi con 22 proiezioni confermate, tra le quali Kinodromo come unica realtà italiana, il film verrà distribuito in rete interamente sotto licenza “creative commons”,  una particolare negoziazione dei diritti. 

El Cosmonauta inizia nel 1967 con l’arrivo di Stas e Andrei, due giovani amici, nell’appena costruita Città delle Stelle, dove i primi cosmonauti si allenano per andare nello spazio e dove è in atto una corsa contro il tempo per battere gli americani per la sovranità dello spazio. Stas e Andrei vivranno di persona gli intrighi politici, le lotte di potere, i successi e le disfatte della maestosa Unione Sovietica in alcuni dei più grandi risultati del XX secolo. Presto conosceranno Yulia, tecnico delle comunicazioni, con la quale si impegneranno in una profonda amicizia che sfiorerà sempre i limiti dell’amore, senza, però, arrivare a consumarsi. El Cosmonauta è la storia di tre personaggi circondati da eventi accaduti nel corso di oltre quindici anni: successi e fallimenti, incidenti, cospirazioni, favoritismi e missioni segrete.

La serata Kinodromo/El Cosmonauta inizia alle 19.30 con una tavola rotonda sul crowfunding e le distribuzioni dal basso; alle 21 Popcorn Hour- Soy Cosmonuata; alle 22 proiezione del film

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lamborghini, disertato il raduno per i 50 anni: paura del fisco (video)

prev
Articolo Successivo

Referendum scuola pubblica, pioggia di critiche sull’appello web di Merola

next