Il professor Paolo Becchi, il docente universitario vicino al Movimento 5 Stelle, attacca i media per aver strumentalizzato la sua intervista a “La Zanzara” (ascolta qui la versione integrale). Becchi invita i giornalisti a riascoltare lo spezzone de La Zanzara e precisa che stava solo scherzando: “Volevo fare solo una metafora, un esempio per dire che c’è il rischio potenziale di violenza”. Polemica la replica di Santoro: “Ma non si capisce dov’è lo scherzo”. Il professore, che nega di essere l’ideologo del M5S,  precisa: “Nessuno deve soffiare sul fuoco, ma negare che ci sia non è giusto. Non ho detto una cosa incredibile: dicevo ‘attenzione che se continuiamo in questo modo ci sono rischi’”. Riguardo all’accusa al ministro Saccomanni, si difende: “La Banca d’Italia (di cui Saccomanni era direttore generale, ndr) è una banca privata”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, intervista ai concittadini di Preiti, l’autore della sparatoria davanti a Palazzo Chigi

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Sallusti su Preiti: “Gli spari non sono nè per noi, nè per voi”

next