ventuno ministri del nuovo esecutivo di Enrico Letta hanno pronunciato la formula di rito prima di stringere la mano a Giorgio Napolitano. Unica sbavatura nel corso del cerimoniale, le perplessità del segretario generale della presidenza della Repubblica Donato Marra sul nome della neo ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge. Compito di Marra è quello di introdurre i ministri al cospetto del Capo dello Stato. E’ in corso il giuramento del Pdl Gaetano Quagliarilello, quando Marra, ‘tradito’ dall’amplificazione del microfono, si informa sul prossimo ministro in lista: “Questa come si leggerà, Kyenge?”, chiede a chi gli sta accanto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Letta, un piatto avvelenato

next
Articolo Successivo

Governo Letta, i dissenti Pd: “Voteremo la fiducia”, ma Civati smentisce

next