Lo so, sono in ritardo per il 25 aprile. Però leggendo ai miei figli le “Favole al telefono” di Gianni Rodari mi sono imbattuto in una che mi sembra molto adatta all’occasione.

In estrema sintesi: otto famiglie dividono una cascina ma non si fidano gli uni degli altri e quindi, per tirare l’acqua dall’unico pozzo nel cortile, tengono ben nascoste nelle rispettive case otto catene e otto secchi.

Scoppia la guerra e gli uomini partono al fronte. Donne e bambini, rimasti a casa, perpetuano la tradizione di diffidenza. Un giorno arriva un partigiano ferito e una delle donne, vedendo in lui la stessa condizione e sofferenza del marito di cui non ha notizie, lo ripara nel suo granaio. La notizia fa presto il giro delle otto famiglie e, un po’ alla volta, ogni donna porta qualcosa per aiutare il partigiano a riprendersi. Questi infatti si riprende e si accorge con stupore del pozzo senza catena. Le donne sono imbarazzate e accettano volentieri la proposta dell’uomo di comprare assieme una catena comune; l’empatia generata da quell’uomo, immagine di tutti i loro uomini e della loro condizione comune, rende ridicole le ostilità.

Ecco, per me uno dei messaggi del 25 aprile è questo: non dobbiamo mai più aspettare il Male supremo della guerra per combattere il Male interno e più subdolo della diffidenza tra popoli, Stati, razze, etnie. Perché, quasi settant’anni fa, ci costò un enorme sacrificio di sangue toccare il fondo e risalire dalla tragedia del Nazifascismo (non dimentichiamolo mai: Male interno e Male esterno).

E anche perché, semplicemente, se la guerra appare oggi praticamente impossibile, otto catene costano più di una; e le altre cascine del mondo ci fanno concorrenza agguerrita.

Disclaimer: Come riportato nella bio, il contenuto di questo e degli altri articoli del mio blog è frutto di opinioni personali e non impegna in alcun modo la Commissione europea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Psicologia politica: il governo Letta è il sintomo di una nevrosi

prev
Articolo Successivo

Sparatoria Palazzo Chigi, il bipolarismo della Terza Repubblica

next