Il candidato sindaco di Roma per il Pd, Ignazio Marino non ha dubbi: “Voterò Stefano Rodotà con convinzione. Una garanzia per il Paese”. Laura Puppato invece fa i conti: “Penso che Marini possa rimanere sotto i 500 voti e quindi non essere votato neanche alla quarta chiamata, ma non ci siamo contati. Bersani? Ha ceduto a chi gli chiedeva un governo qualsiasi, ma non è così che si cambia l’Italia”. Bruno Tabacci invece voterà scheda bianca. Infine anche Pippo Civati picchia duro contro il suo partito: “Gli alieni non sono i M5S, ma noi”. Sulle proteste della base di ieri: “Quello che non piace agli elettori non è Marini, piuttosto che D’Alema, ma è l’operazione a senso unico verso il Pdl”  di Tommaso Rodano

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Presidente della Repubblica: Pd, #nonlofate altrimenti #nonvivotiamopiù

next
Articolo Successivo

Elezioni Presidente della Repubblica, la Maionese impazzita di casa Bersani

next