Sono almeno sette le vittime degli scontri tra oppositori e chavisti a Caracas scoppiati dopo l’elezione di Nicolas Maduro alla guida del Venezuela. ”Abbiamo aperto un’inchiesta penale” sulle violenze della notte scorsa, ha avvertito Luisa Ortega Diaz, responsabile della procura generale del Paese, precisando che 135 persone sono state arrestate dalle forze dell’ordine e potrebbero essere accusate per “associazione per delinquere”.

“Ho controllato le immagini che mi sono arrivate, e ho notato lo stesso formato del golpe del 2002”, ha proseguito Ortega Diaz. Nel frattempo Diosdado Cabello, presidente dell’Assemblea nazionale e leader del Partito socialista unito del Venezuela (Psuv, il partito chavista) ha accusato il leader dell’opposizione Henrique Capriles di essere uno dei “responsabili principali” delle violenze.

“Il popolo chavista scommette sulla pace, è seduto a casa e si contiene dopo aver visto le immagini della violenza”, ha sostenuto Cabello in una conferenza stampa, addossando a presunti “piccoli gruppi fascisti” gli scontri che hanno segnato le ore seguenti alla diffusione dei risicati e contestatissimi risultati delle presidenziali di domenica scorsa. Il presidente dell’An ha quindi additato quelli che ha definito “i capi e gli istigatori” degli scontri, annunciando di voler proporre in Parlamento che Capriles e altri dirigenti dell’opposizione siano messi sotto inchiesta penale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Iran, oltre cento vittime “e una città di 1000 abitanti distrutta”.

next
Articolo Successivo

Terremoto Iran, “a Teheran notizie sommarie per sviare l’opinione pubblica”

next