34 mila persone che vanno a votare e oltre 30 mila che votano per la chiusura degli impianti più inquinanti dell’Ilva è la più grande mobilitazione che ci sia mai stata a Taranto sulla questione.  Quindi non è un flop. 

Con quelle oltre 30 mila persone si può cambiare Taranto. Invece con chi non partecipa no.
Sono orgolioso del risultato ottenuto e di tutte le persone che ho visto – con fiera dignità – affluire ai seggi determinate come se partecipassero ad una lotta di liberazione. Queste persone daranno filo da torcere per sempre a chi ci devasta. 
Taranto non ha fallito. 
Ora talloneremo l’azienda sulle inadempienze dell’AIA. 
Ai parlamentari chiederemo una legge che cancelli la legge Salva-Ilva
Sulla questione dei piombo nel sangue dei bambini scateneremo una campagna senza precedenti. 
Sulla questione delle bonifiche non fatte e del principio del “chi inquina paga” andremo alla Commissione Europea. Abbiamo tante iniziative e andremo all’attacco. 
Con l’appoggio di 30 mila persone Garibaldi avrebbe fatto l’Unità d’Italia in tre mesi. A lui ne bastarono mille e non fece il piagnone. 
Con 30 mila sostenitori la città batte ogni tentativo di reazione filo-aziendale: i numeri sono numeri. Quello che è decisivo nella nostra lotta è avere una strategia chiara. E per me è chiarissima. Ilva chiuderà (non ha un piano industriale!) e la nostra preoccupazione deve essere quella di evitare che avvenga come a Brescia: chiusura senza risarcimento e bonifica dei terreni e della falda.
Il vero problema non è chiudere l’Ilva (chiuderà di sicuro) ma è di traghettare i lavoratori in sicurezza verso un piano di bonifiche: da fare presto e possibilmente subito. Prima che sia troppo tardi, prima che Ilva dichiari fallimento.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, per vedere le tombe antiche si rischia la vita

prev
Articolo Successivo

Agricoltura, cancerogeno un terzo del mais del 2012: finirà negli impianti di biogas

next