Dubbi su come fare la raccolta differenziata? Ecco l’app e il sito che fugheranno definitivamente tutti i nostri dubbi quotidiani

Si tratta del Dizionario dei Rifiuti, primo motore di ricerca italiano dedicato alla raccolta differenziata, ideato nel 2011 dall’allora 18enne Francesco Cucari e subito diventato un punto di riferimento per migliaia di cittadini.

Il Dizionario dei Rifiuti è un’app gratuita funzionante su iPhone/iPad e smartphone/tablet Android, oltre al sito www.dizionariodeirifiuti.it, che permette di risolvere i dubbi sulla giusta differenziazione dei rifiuti e sul loro corretto conferimento in tutti i comuni appartenenti al network del Dizionario dei Rifiuti, i Comuni Differenti.

Un vero e proprio pubblico servizio innovativo e tecnologico, con ricerca assistita, calendari di raccolta, notifiche, mappe, servizi su chiamata e informazioni utili soprattutto per i cittadini dei comuni che hanno attivato un sistema innovativo di raccolta differenziata come la raccolta porta a porta. Un servizio sempre in evoluzione e sono già in fase di test nuove funzionalità che hanno l’obiettivo di affiancare maggiormente le amministrazioni ai propri concittadini.

Il dizionario dei Rifiuti è uno strumento che permette al Comune un utilizzo mirato della tecnologia, per comunicare la propria presenza sul territorio con un’attenzione costante finalizzata all’ambiente ecosostenibile e alle pratiche virtuose. Inoltre è uno strumento di comunicazione altamente innovativo, che punta ad abbattere i costi della comunicazione cartacea, instaurando un rapporto diretto con i cittadini, che sono i primi fruitori del servizio.

Tra i Comuni Virtuosi che hanno attivato tutte le funzionalità del Dizionario dei Rifiuti registriamo Capannori e Cesano Boscone, che affiancano i cittadini nel quotidiano gesto della raccolta differenziata con uno strumento valido che permette di semplificare questo compito. Altri comuni ad avere aderito sono Ponte nelle Alpi e Mezzago.

Cosa aspetti a provare il Dizionario dei Rifiuti?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mais ogm spacciato per bio e pesticidi nella soia: sequestri in cinque regioni

next
Articolo Successivo

Saluggia, fuoriuscite da vasca dell’impianto nucleare Sogin: “Nessun allarme”

next