Si torna al 1979. La spesa per le retribuzioni dei lavoratori pubblici è scesa nel 2011 dell’1,6 per cento a 170 miliardi, segnando il primo calo dopo 31 anni di crescita ininterrotta. E nel 2012, sottolinea l’Aran, le anticipazioni evidenziano un ulteriore calo della spesa del 2,3 per cento a 165,3 miliardi. Ma questo non è l’unico dato allarmante che riguarda il settore pubblico. I dipendenti statali sono diminuiti dal 2006 al 2011 di oltre 230mila unità (circa il 6 per cento) passando da 3 milioni 627mila a 3 milioni 396mila.

Il calo della spesa complessiva sostenuto dalla Pubblica amministrazione per pagare le retribuzioni è stato possibile grazie alle misure di contenimento varate negli ultimi anni, in particolare il blocco dei contratti e i vincoli al turnover. “Il nostro compito – ha detto il presidente dell’Aran, Sergio Gasparrini – è stato svolto. Il dimagrimento c’è stato e una ulteriore parte ci sarà nel 2013. Ora dobbiamo guardare alla qualità della spesa”. La spesa nel complesso nel 2011 era pari all’11 per cento del Pil e un ulteriore calo è stimato per il 2012 e il 2013.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, avvocati giuslavoristi: “Da riforma Fornero impatto devastante su giustizia”

next
Articolo Successivo

Precariato dell’arte e rivoluzione culturale

next