Il cambiamento e la responsabilità. Ignazio Marino gioisce e promette dopo aver vinto le primarie per aspirare alla poltrona di primo cittadino della Capitale. ”Grazie a tutti i romani che hanno trasformato questo esperimento di democrazia in una grande gioia. Ora dobbiamo liberare il Campidoglio da una politica oscura. Noi cambieremo tutto”. Il candidato sindaco di Roma del centrosinistra è stato accolto in trionfo dal suo comitato elettorale in San Lorenzo. “E’ una giornata bellissima ed abbiamo ottenuto un risultato straordinario”. Un risultato che significherà tanto lavoro per tutti:”Chiedo a tutti di darmi una mano. Oggi abbiamo vinto tutti. Ora si riparte da qui e a fine maggio festeggeremo in Campidoglio”.

“Sono emozionato e non so che altro dire – ha aggiunto tra gli applausi – faremo una conferenza stampa per spiegare altre cose. Grazie, grazie davvero. Ora miassumo una grandissima responsabilità: quella di andare tutti insieme per disegnare la strada che ci porterà al governo della capitale d’Italia”. A festeggiare cone ‘Daje Ignazio’ tanti romani, molti anche i politici che si sono “affacciati” per brindare con il nuovo aspirante primo cittadino: dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti al segretario del Pd Lazio Enrico Gasbarra, dal responsabile economico del Pd Stefano Fassina al vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio, da Nando Bonessio dei Verdi a Luigi Nieri di Sel.

Poi la serata è finita mangiando tiramisù e crostate: “Ancora domande? “No per favore – ha detto sorridendo ai giornalisti Marino – domani (lunedì per chi legge) risponderò a tutto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Roma, vince Marino. Membro Pd: “Rom in coda, voti comprati”

prev
Articolo Successivo

Primarie Roma, l’accusatrice: “Io anti rom? Avrei parlato anche se fossero stati ebrei”

next