Scontri tra ultrà e polizia già dal pomeriggio. La tensione per il derby Roma-Lazio è stata fin da subito molto alta con tafferugli tra tifosi dallo Stadio olimpico. E’ salito a 6 il numero dei feriti lievi. Oltre ai due tifosi giallorossi e al tifoso laziale, altri due ultrà accoltellati hanno richiesto cure mediche, uno presentandosi al pronto soccorso, l’altro all’ingresso dello stadio e un altro tifoso è stato colpito con un colpo di bottiglia in testa. Intanto la polizia ha fermato alcune persone a vario titolo. Per chiarire la posizione dei fermati sono al vaglio le immagini e i filmati fuori e dentro lo stadio. La tensione, fin da subito, è alta: anche un’ambulanza arrivata per soccorrere i feriti è stata attaccata con bastoni. 

I sanitari, dopo che l’ambulanza è stata fatta bersaglio della rabbia dei tifosi, sono stati costretti ad abbandonare il mezzo. Sul posto oltre alla polizia, e al personale del 118 anche i carabinieri. L’intera zona che va dalla Farnesina a Ponte Milvio è stata presidiata. 

Alemanno ha invitato i tifosi alla calma. “Siamo molto preoccupati. Rinnovo un appello alle due tifoserie: cerchiamo di fare un derby tranquillo”.

Secondo alcune fonti sono due i blocchi che si sono scontrati: duecento tifosi che si sono mossi dalla zona dello Stadio olimpico per raggiungere l’altra parte al Ponte Duca d’Aosta. La polizia ha effettuato delle cariche nell’area.

Sono state rafforzate le misure di sicurezza in una capitale già blindata da tempo per il match, con il traffico nella zona che nel pomeriggio è stato bloccato. L’area ‘sensibile’, dove si considerava più facile il contatto tra le due tifoserie è stata monitorata. 

Dure le proteste da parte dei residenti: “Non si può fare un derby in un giorno feriale a un orario del genere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, una perizia svela la nave fantasma: era una militarizzata Usa

prev
Articolo Successivo

Trapani, mafia e mazzette nelle opere pubbliche. Sequestri per 30 milioni

next