Ma davvero gli italiani hanno bisogno di leader televisivi? Davvero anni di berlusconismo ci hanno resi così warholiani da aver bisogno di identificarci in leader dal sorriso bianco e studiato, che ci illudano dei 15 minuti di celebrità? Dove sono i politici che si sporcano le mani nelle borgate, tra gli operai, tra i precari in piazza?

Eccole le nuove star: soggetti votati alla società dello spettacolo che disertano direzioni del partito e il confronto con gli elettori, per pontificare con il fondotinta, dagli show televisivi. E guai a storcere il naso: altrimenti sei radical chic. Ma qui, signori miei, siamo nel nuovo regno multimediale del trash assurto ad icona. Tra vaffanculo, troie, ceroni, giacchette unfit e scarpe lucide. Il verbo del leader messia cala dall’alto di blog e palchi scenografici, il corpo del capopopolo diventa un simulacro nel gioco perverso del l’identificazione. “Renzi è pop”, dicono.  Ma pop cosa? Cosa vuol dire? Pop sta per popolare cioè a contatto con il popolo o popolare nel senso di ” famoso”?

E noi come spettatori inebetiti davvero ci identifichiamo in questi comunicatori del vacuo, mentre tutto crolla come in un impero decadente e volgare? Questa è la nuova decadenza: dover essere cool, pop e tutte queste sciocchezze perché altrimenti non sai comunicare. Ma cosa comunicare, nessuno se lo chiede. E come in un format scadente siamo qui, nell’assoluta solitudine dell’effimero dove tutto è scadente spettacolarizzazione volgarotta. La pseudo sinistra di derivazione democristiana è l’evoluzione del Berlusconismo: dalle veline al regno dei Tronisti della De Filippi. Per forza sennò non sei ” Pop”.

 

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l'archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui. Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5S, studente nella sua tesi profetizzò: “Arriverà in Parlamento”. Era il 2007

next
Articolo Successivo

Grillo a un cronista: “E’ un frustrato”. Iacopino (Odg): “Gli serve uno psichiatra”

next