La politica nuova e libera dagli inciuci passa dallo streaming nelle sale del Palazzo. O almeno, così la pensano i 5 Stelle, promotori della trasparenza nei confronti degli elettori via webcam. L’ultimo incontro sotto i riflettori è stato il faccia a faccia tra la delegazione del Movimento con Roberta Lombardi e Vito Crimi, rispettivamente capigruppo di Camera e Senato, e il presidente incaricato Pierluigi Bersani. Tutto pubblico, tutto online. E se la trasparenza uccidesse la trattativa politica?

A pensarla così è Pierluigi Battista, che oggi sul Corriere ritiene l’incontro in diretta sul web “una recita, pura fiction”. Se i nostri padri costituenti ad esempio, “avessero discusso in streaming sulla Costituzione che stavano preparando, probabilmente non avrebbero discusso in totale libertà”. La riservatezza, insomma, “non è certamente un disvalore” visto che “nella storia i momenti che hanno prodotto anche i migliori risultati, non sono stati trafitti dalle luci abbaglianti dello streaming”. In più, “la trasparenza totale e senza residui contiene paradossalmente un’idea autoritaria della vita e della politica”. Critico verso la “casa di vetro” anche Massimo Gramellini che sulla Stampa scrive: “Sapersi osservati induce a compiere uno sforzo di autocontrollo che sconfina nella finzione. Poiché l’orgoglio ti impone di mostrarti duro e puro agli occhi del mondo, perdi intelligenza, capacità di ascolto, elasticità”. Fino a che non si spengono le telecamere. A quel punto, allora “la casa di vetro abbassa le persiane e si comincia, orrore, a fare politica”.

Non la pensa così Giovanna Cosenza, docente dell’università di Bologna ed esperta di comunicazione politica: “Sono contro la retorica della trasparenza che, però, oggi vince. Non credo che lo streaming sia un bene o un male in assoluto. E’ un mezzo come un altro”. Ma era fiction quella che abbiamo visto? “Quando un incontro è mediatizzato, non c’è spontaneità. Devi credere alle parole che vengono mostrate. C’è da dire, però, che oggi questa modalità è considerata un valore che si contrappone agli intrighi e all’opacità delle istituzioni”. Crede che però uccida la trattativa? “Dipende. L’importante è che venga perseguito il bene comune. In ogni caso, se per raggiungere questo obiettivo è necessario tenere informazioni o incontri riservati, i cittadini capiranno”.

La trasparenza come proposta dai 5 Stelle è un’arma a doppio taglio per Stefano Epifani, docente di tecnologie applicate alla comunicazione alla Sapienza ed esperto di open-government: “Da una parte si rischiano eccesso di voyeurismo e strumentalizzazione per intimidire o ricattare l’avversario politico”. In questi casi, “è facile far passare per una maggiore apertura un atteggiamento parapopulista e demagogico”. A questo si aggiunge tuttavia l’opportunità che lo streaming rappresenti un passo “per incrementare la partecipazione dei cittadini nel processo decisionale”, anche se Epifani sottolinea che i 5 Stelle, dal silenzio stampa chiesto ai neoeletti al caso dei dissidenti per l’elezione di Grasso, sono “i primi” a non presentarsi come “casa di vetro”.

Lo streaming, inoltre, è soltanto un punto di vista, osserva Filippo Sensi, vicedirettore di Europa e blogger di Nomfup, che potrebbe anche “generare fraintendimenti e trasformarsi in un surrogato della politica, suggerendo che basta accendere i riflettori per pulire l’aria. Ma lì non risiede la verità”. Una posizione spiegata anche nell’articolo “Contro il mito dello streaming” pubblicato oggi sul sito del quotidiano: “Senza il web – si legge – l’incontro di questa mattina tra Bersani e la delegazione Cinquestelle sarebbe stato diverso, un’altra rappresentazione. E non solo perché, banalmente, ognuno recita una parte a favore di telecamera. Ma il fatto stesso che la diretta incentivi alcuni comportamenti e non altri contraddice il mito della trasparenza assoluta, figlio in fondo dell’idea che la politica sia una cosa semplice, un linguaggio diretto, un codice senza codice. Non è così”.

Klaus Davi, al contrario di quanto sostengono Battista e Gramellini, ritiene invece che lo streaming non elimini la tradizionale segretezza della trattativa. “E’ vero, c’è la componente della recitazione. Ma la sensazione è che quella ‘vera’ non venga fatta lì. La trattativa segreta infatti non morirà mai”. Certo, possiamo pensare agli esempi di trasparenza e partecipazione in Islanda, ad esempio, “ma culturalmente – prosegue Davi – nel confronto politico in Italia permane un ampio margine di ‘non detto’ ed è ipocrita affermare il contrario”. Un esempio? ” Quando dicono: ‘sul presidente della Repubblica non si tratta’. E invece no, si tratterà eccome. Ma lontano dalle webcam”. La fiction, però, impone limiti di verità. “Lo streaming è diverso dalle telecamere, anche se attutisce la realtà. Vengono commesse gaffe, dette mezze parole significative”. Curioso però, rimarca Davi, che i promotori della trasparenza 5 Stelle abbiano deciso di non trasmettere la riunione dei senatori per la votazione del presidente del Senato. “Hanno ricordato la logica dei partiti, le direzioni del vecchio Pci a porte chiuse. E’ stato un errore, ma conferma quanto abbiamo detto”. Cioè? “Che la ‘vera’ trattativa non si fa online”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marò, Monti alla Camera attacca Terzi: “Ha mentito”. Poi viene contestato

next
Articolo Successivo

Matteo Renzi: assunto, candidato e pensionato in undici giorni

next