La norma approvata oggi dall’assemblea legislativa dell’Emilia Romagna che vieta di tenere i cani alla catena, prevede anche, per la prima volta in Italia, di costruire le condizioni per l’accessibilità degli animali da affezione in strutture di cura per visitare il paziente loro proprietario. Insomma sarà legale la cosiddetta ‘pet therapy‘, con l’uso degli animali in affiancamento alle terapie di medicina tradizionale.

“Viene migliorata ulteriormente una normativa che è già all’avanguardia a livello nazionale nella tutela del benessere degli animali” ha commentato l’assessore alle politiche per la Salute della Regione Carlo Lusenti, ricordando che “la presenza dell’animale agisce direttamente sul benessere fisico e psichico della persona malata”.

“E’ questa una opportunità di portare sollievo, soprattutto nei casi di lungodegenza o nelle fasi più avanzate della malattia” ha aggiunto l’assessore, rimarcando che “non ci sono altre esperienze regolamentate in Italia, se non iniziative sporadiche introdotte in alcuni reparti o in alcune strutture”. In questo senso, ha concluso “l’iniziativa della Regione Emilia-Romagna e’ una assoluta novità”. Entro 6 mesi dall’entrata in vigore della legge, la giunta regionale approverà un provvedimento che disciplina l’accesso degli animali nelle strutture di cura.

“Con la nuova legge”, spiega Andrea Defranceschi, consigliere del Movimento 5 Stelle e relatore del testo, “si darà nuovo impulso alla pet-therapy o zoo terapia” e si potranno aprire le strutture sanitarie pubbliche e private, attraverso un apposito disciplinare, agli animali da affezione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Justin Bieber in concerto a Bologna, sale la febbre per l’unica data italiana

prev
Articolo Successivo

La corsa di Pizzarotti per non accendere l’impianto. Con le buone o con le cattive

next