Certo adesso è facile dire che Bersani sta andando a sbattere. Ma, cinque mesi fa, non era impossibile compiere l’impresa di portare alla vittoria il centrosinistra evitando all’Italia il baratro del non governo.
In sintesi: anziché autopromuoversi leader del Pd forte dentro e debolissimo fuori, nella giungla dello scontento popolare, Bersani poteva regalare il partito a Renzi e ritirarsi umilmente nel segretariato.

Così il Pd avrebbe guadagnato qualcosina al centro, e soprattutto avrebbe tolto a Grillo una certa dose di delusi. Così trovare qualche poltrona in più per avviare un esecutivo sarebbe stato più semplice. Così l’idea di un Parlamento nuovo, con renziani e giovani turchi a fianco dei grillini nel contrastare il cadente Pdl, sarebbe diventata un’evidenza anagrafica, fisica, visiva e visionaria.

Per Bersani cedere la premiership sarebbe stato un sacrificio amaro, tafazzesco, eppure salvifico. Un terremoto interno, con regolamento di conti, ma arginato dalla dura necessità: o così o saremo travolti. Un leader, uno che ha capito l’Italia e gli ultimi cinquant’anni di storia, lo sapeva fare un discorso così.

Invece, lo tsunami è arrivato. E adesso il partito, se Bersani va a sbattere, si spaccherà. Ma, col senno di poi, non si smacchiano i giaguari.
Ed è un twitter a dentoni che nel giro di mezz’ora scrive il tuo epitaffio:

tweet-alfano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Marò, Terzi prima vittima istituzionale della perdita di credibilità del governo

next
Articolo Successivo

Marò, Terzi si dimette alla terza piroetta

next