Editoriale del vicedirettore del Fatto Quotidiano che descrive lo stato politico attuale dopo il successo di Grillo e del Movimento 5 Stelle, vittime di un attacco bipartisan del centrosinistra e del centrodestra. Marco Travaglio elenca poi le parole chiave della crisi di governo: dal “metodo Boldrini – Grasso” ai “magistrati in politica” fino all’evergreen “il meno peggio”. Il giornalista si sofferma anche su un errore dei “grilli”: quello relativo alla parola “libertà d’informazione”. E critica la scelta di aver adottato come comunicatori due blogger, Daniele Martinelli e Claudio Messora, che, per definizione, dovrebbero essere indipendenti e solisti. “L’uno ha parlato dell’euro come complotto massonico” – osserva Travaglio – “l’altro ha definito ‘spalamerda’ i giornalisti. Poi hanno affermato di parlare a titolo personale e sono andati in silenzio stampa. Ma come fanno due comunicatori a parlare a titolo personale e a stare in silenzio stampa?” – chiede ironicamente Travaglio. Che lancia una stoccata ai leader dei partiti politici e a Grillo per la loro ritrosia a non partecipare a Servizio Pubblico

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Comi: “I Comuni e l’effetto Grillo”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, un governo a 5 stelle

next