La Corte d’Appello conferma la condanna di primo grado a sei mesi di reclusione nei confronti dell’ex sindaco di Reggio Calabria ed attuale presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. Il governatore era imputato nel processo d’appello sulla messa in sicurezza e la bonifica della discarica di Longhi-Boveto da parte del Comune.

I giudici hanno anche confermato la condanna nei confronti dell’ex dirigente del Comune di Reggio Calabria, Igor Paonni, mentre hanno assolto l’ex assessore comunale all’ambiente, Antonio Caridi, attuale assessore regionale.

Al termine della requisitoria il sostituto procuratore generale, Ezio Arcadi, aveva chiesto l’assoluzione per Scopelliti e la conferma della condanna per Paonni e Caridi. La sentenza di primo grado era stata emessa il 22 settembre del 2010 dai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Reggio Calabria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ingroia, Csm: “Sia giudice ad Aosta, l’unico posto in cui non si è candidato”

next
Articolo Successivo

Vietti: “La scelta di mandare Ingroia ad Aosta non è una punizione”

next